InfoAfrica | Erogati fondi statali per aiutare la Camair

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

 


CAMERUN – Il ministero delle Finanze è ben deciso ad intervenire in aiuto alla compagnia aerea di bandiera Camair, attualmente in fase di ristrutturazione per sanare una situazione debitoria. Sui conti della Camair dovrebbero essere arrivati complessivamente entro il 31 maggio 1,5 miliardi di franchi Cfa, pari a circa 2,3 milioni di euro, da parte dello Stato.

                    (198 parole) - 3,90 Euro

                    <h5>Acquista questo articolo</h5>


                    <h6>Singolo articolo</h6>
                    Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto









                    <h6>Abbonamento Canale</h6>

                        L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese. 








                    <h6>Abbonamento Area Tematica</h6>

                    L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica







                                    <h3>

                                        Ultimi articoli della sezione Africa Centrale       
                                    </h3>
                                    <ul><li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/rdc/">R.D. Congo</a>                                                    </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/08/01/fondi-usaid-contro-attivita-minerarie-illegali/"><h2>Fondi Usaid contro attività minerarie illegali</h2></a>


                                                    RD CONGO - L’Agenzia per la cooperazione allo sviluppo statunitense (Usaid) ha stanziato fond per contrastare le operazioni minerarie illegali condotte nella Repubblica Democratica del Congo.

I fondi stanziati ammontano a 3,7 milioni di dollari e serviranno a finanziare attività minerarie legali nelle regioni del Nord e Sud Kivu.

“La certificazione dei siti sarà il primo passaggio per combattere le attività illegali nel settore minerario, incluso il lavoro minorile; si lavorerà inoltre sui gruppi armati e sulle violazioni di diritti umani” ha detto Paul Sabatine, responsabile di Usaid per il Congo. [MS]

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

                                              </li>
                                                                                    <li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/gue/">Guinea Equatoriale</a>                                                    </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/08/01/tenaris-ottiene-contratto-per-gasdotto-in-guinea-equatoriale/"><h2>Tenaris ottiene contratto per gasdotto in Guinea...</h2></a>


                                                    <p>GUINEA EQUATORIALE - La compagnia statunitense Noble Energy ha assegnato alla multinazionale italo-argentina Tenaris l’incarico di realizzare un gasdotto per l’esportazione di gas naturale in Guinea Equatoriale.</p>

A darne notizia è la stessa multinazionale con sede in Lussemburgo, precisando che l’incarico prevede la fornitura dei tubi necessari alla costruzione di un gasdotto offshore nell’ambito del progetto di monetizzazione del gas di Alen, che secondo Noble Energy costituisce una componente chiave per il suo sviluppo in Africa occidentale.

Il gasdotto, lungo 70 chilometri, servirà per trasportare il gas naturale dalla piattaforma offshore Alen all’impianto di trattamento onshore già esistente sull’isola di Bioko e trasformare la stessa piattaforma Alen in un hub per lo sviluppo futuro dei giacimenti di gas del Golfo di Guinea.

Tenaris, in base al contratto, realizzerà un totale di 21.000 tonnellate di tubi nel suo stabilimento produttivo di Pindamonhangaba, in Brasile. [MV]

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

                                              </li>
                                                                                    <li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/gab/">Gabon</a>                                                     </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/07/29/allo-studio-sportello-unico-per-gli-investitori-stranieri/"><h2>Allo studio sportello unico per gli investitori...</h2></a>


                                                    <p>GABON - Il governo di Libreville sta valutando l’opportunità di introdurre uno sportello unico riservato agli investitori esteri con l’obiettivo di ridurre la burocrazia.</p>

A dirlo è stato il ministro per la Promozione degli investimenti e dei partenariati pubblico-privati, Jean-Fidèle Otandault, precisando che l’intenzione è facilitare le procedure per gli investitori esteri interessati alle opportunità d’affari esistenti in  Gabon.

Tutti i Paesi si stanno muovendo verso la semplificazione amministrativa – ha detto Otandault – È un fattore chiave nello sviluppo economico e rappresenta un elemento chiave per le decisioni degli investitori di andare in un determinato Paese”. [MV]

                                              </li>
                                                                                    <li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-occidentale/gha/">Ghana</a> – <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/rdc/">R.D. Congo</a>                                                     </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/07/29/ad-azienda-ghanese-incarico-di-sviluppare-estrazione-di-bauxite/"><h2>Ad azienda ghanese incarico di sviluppare estrazione di...</h2></a>


                                                    <p>REP. DEM. CONGO - La società ghanese Engineers &amp; Planners ha ricevuto l’incarico dal presidente congolese Felix Tshisekedi per avviare l’attività estrattiva commerciale di bauxite.</p>

A darne notizia sono i media ghanesi, precisando che l’incarico è stato reso noto in occasione di un vertice promosso ad Abuja in Nigeria dalla Banca africana di sviluppo (AfDB) sulle opportunità d’investimento esistenti in Repubblica democratica del Congo.

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

La decisione di assegnare alla Engineers & Planners l’incarico di sviluppare le attività estrattive commerciali di bauxite in Repubblica democratica del Congo è legata alla volontà del presidente Tshisekedi di attirare investimenti da società africane e promuovere così una maggiore integrazione economica tra i Paesi del continente.

Engineers & Planners è stata fondata nel 1997 da Ibrahim Mahama ed è specializzata nello sviluppo di attività estrattive: in Ghana opera dal 2002 per conto dell’australiana Goldfields nell’estrazione di oro ed è presente anche in Liberia, dove opera per conto del colosso minerario ArcelorMittal nell’estrazione di minerale di ferro presso la miniera di Yekepa. [MV]

                                              </li>
                                                                                    <li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/rdc/">R.D. Congo</a>                                                    </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/07/29/ebola-arabia-saudita-sospende-rilascio-visti-per-pellegrini-congolesi/"><h2>Ebola, Arabia Saudita sospende rilascio visti per...</h2></a>


                                                    RD CONGO - L’Arabia Saudita non concederà visti d’ingresso ai pellegrini congolesi che volessero raggiungere la Mecca. La decisione è stata comunicata con una nota dal ministero degli Affari Esteri saudita ed è legata all’epidemia di ebola in corso nel Paese africano e ai timori che possa estendersi. 

Nella nota, il ministero fa riferimento alla decisione dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) di dichiarare l’attuale epidemia un’emergenza di livello internazionale. “La concessione di visti d’ingresso per persone provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo è stata sospesa per salvaguardare la salute dei pellegrini” si legge nella nota. 

Secondo stime, oltre 400 persone avrebbero potuto partecipare al tradizionale pellegrinaggio, una delle pratiche richieste a tutti i musulmani del mondo. [MS]

                                              </li>
                                                                                    <li>
                                              <i>
                                                    <a href="https://www.infoafrica.it/canale/africa-centrale/rdc/">R.D. Congo</a>                                                    </i>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/free"><i>Free</i></a>
                                                  <a href="https://www.infoafrica.it/2019/07/25/ebola-banca-mondiale-pronta-a-stanziare-fondi/"><h2>Ebola, Banca Mondiale pronta a stanziare fondi</h2></a>


                                                    <p>RD CONGO - Il gruppo della Banca Mondiale sta preparando un pacchetto di finanziamenti del valore pari a 300 milioni di dollari per sostenere gli sforzi del governo di Kinshasa nel far fronte all’epidemia di ebola in corso nel Paese.</p>

A renderlo noto è stata la stessa istituzione finanziaria, sottolineando come i fondi sarebbero sufficienti a soddisfare circa la metà delle esigenze di un nuovo piano di risposta all’ebola che dovrebbe essere concordato dal governo congolese e dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) entro la prossima settimana.

I fondi saranno stanziati attraverso l’Associazione internazionale per lo sviluppo (IDA) e il suo strumento per la risposta alle crisi, disegnato per sostenere i Paesi i via di sviluppo costretti ad affrontare un’emergenza e aiutarli a tornare su un corretto percorso di sviluppo di lungo termine.

Secondo quel che viene reso noto, il pacchetto di aiuti contribuirà a sostenere la risposta sanitaria nelle regioni orientali della Repubblica democratica del Congo colpite dall’epidemia, consentendo al governo di Kinshasa e alle organizzazioni internazionali coinvolte di rafforzare la risposta sanitaria, fornire programmi per sostenere l’economia locale, rafforzare resilienza nelle comunità colpite e contenere la diffusione del virus mortale. [MV]

                                              </li>
                                                                            </ul>

Source

Mia Immagine

Info: Finanziamenti e Agevolazioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: