Ruggiero Bonghi

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

Citazioni di Ruggiero Bonghi: Elimino commento non chiaro e che in ogni caso andrebbe collocato in discussione


← Versione meno recente Versione delle 08:28, 14 gen 2019
Riga 3: Riga 3:
 
== Citazioni di Ruggiero Bonghi ==
 
== Citazioni di Ruggiero Bonghi ==
 
*L’uomo forte soffre senza [[Lamento|lagnarsi]], l’uomo debole si lagna senza soffrire.<ref name=Gar>Citato in G. B. Garassini e Carla Morini, ”Gemme”, classe 5 maschile, Sandron, Milano [post. 1911].</ref>
 
*L’uomo forte soffre senza [[Lamento|lagnarsi]], l’uomo debole si lagna senza soffrire.<ref name=Gar>Citato in G. B. Garassini e Carla Morini, ”Gemme”, classe 5 maschile, Sandron, Milano [post. 1911].</ref>
nik trad sarebbe a dire come si soffre ? si soffre in silenzio
 
 
*Niente educa il [[carattere]] quanto l’abitudine costante di dire il [[Verità|vero]].<ref name=Gar></ref>
 
*Niente educa il [[carattere]] quanto l’abitudine costante di dire il [[Verità|vero]].<ref name=Gar></ref>
 
*[[Vittorio Emanuele II di Savoia|Vittorio Emanuele]] ha nella sua presenza qualcosa di regio, che incute rispetto, qualcosa di affettuoso e domestico, che persuade ad amare. Ha l’aspetto militare, schietto, franco: ascolta come uomo assuefatto a sentirsi circondato da chi l’ama e lo stima: ha lo sguardo vivace, e che interroga: il portamento sicuro, e la parola pronta. È penetrato della missione, che gli è affidata dalla Provvidenza: persuaso della fiducia de’ popoli di’Italia in lui; sicché, al primo viderlo si ravvisa nel Re il cittadino e il guerriero senza baldanza e senza paura.<ref>Citato in Ruggiero Bonghi, ”La Deputazione del Municipio di Napoli”, supplemento al n. 61 del ”Nazionale”, 21 ottobre 1860; ripubblicato con il titolo ”Con la Deputazione di Napoli da Re Vittorio”, 21 ottobre 1860, in Ruggiero Bonghi, ”Opere”, Vol. 4, ”Ritrati e profili di contemporanei” (a cura di Francesco Salata), Vol. 1, ”Le Monnier”, Firenze 1935, pp. 612; ripubblicato in Franco Contorbia (a cura di), ”Giornalismo Italiano”, ”Volume primo 1860-1901”, ”I meridiani”, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 2007, p. 52.</ref>
 
*[[Vittorio Emanuele II di Savoia|Vittorio Emanuele]] ha nella sua presenza qualcosa di regio, che incute rispetto, qualcosa di affettuoso e domestico, che persuade ad amare. Ha l’aspetto militare, schietto, franco: ascolta come uomo assuefatto a sentirsi circondato da chi l’ama e lo stima: ha lo sguardo vivace, e che interroga: il portamento sicuro, e la parola pronta. È penetrato della missione, che gli è affidata dalla Provvidenza: persuaso della fiducia de’ popoli di’Italia in lui; sicché, al primo viderlo si ravvisa nel Re il cittadino e il guerriero senza baldanza e senza paura.<ref>Citato in Ruggiero Bonghi, ”La Deputazione del Municipio di Napoli”, supplemento al n. 61 del ”Nazionale”, 21 ottobre 1860; ripubblicato con il titolo ”Con la Deputazione di Napoli da Re Vittorio”, 21 ottobre 1860, in Ruggiero Bonghi, ”Opere”, Vol. 4, ”Ritrati e profili di contemporanei” (a cura di Francesco Salata), Vol. 1, ”Le Monnier”, Firenze 1935, pp. 612; ripubblicato in Franco Contorbia (a cura di), ”Giornalismo Italiano”, ”Volume primo 1860-1901”, ”I meridiani”, Arnoldo Mondadori Editore, Milano 2007, p. 52.</ref>
 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: