Prato, marocchino insulta, minaccia e sputa contro la polizia. FdI: “Salvini lo espelliamo?” VIDEO

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

Marocchino insulta e minaccia polizia a Prato. Salvini che fa? VIDEO

Minacce, insulti e sputi alla polizia: il marocchino verrà espulso da Salvini?

ROMA – Un marocchino infuriato insulta gli agenti di polizia davanti alla questura di Prato, lancia sputi e minacce. L’uomo si è ripreso in un video caricato sui social network in cui protestava contro gli agenti, accusandoli di avergli sequestrato dei soldi, molto probabilmente provenienti da affari illegali. Chiara La Porta, una dirigente nazionale di Fratelli d’Italia, ha ripubblicato il video su Facebook e lanciato un messaggio al ministro dell’Interno Matteo Salvini: “Che facciamo, lo espelliamo?”.

Il filmato del marocchino è diventato subito virale dopo la condivisione di La Porta e del suo messaggio indirizzato proprio a Salvini: “Ministro Matteo Salvini che facciamo lo espelliamo? ‘E’ inaccettabile che un personaggio del genere sia libero di delinquere e creare il caos nella nostra città, chiediamo che sia immediatamente espulso dall’Italia e che l’amministrazione comunale applichi nei suoi confronti lo stesso provvedimento di daspo urbano che ha emanato verso la coppia di senza tetto di viale Galilei”.

La Porta ha anche aggiunto: “Il personaggio del video si era reso protagonista, nei giorni precedenti, di disagi causati in una sala slot di via Pomeria e successivamente era stato fermato con contanti e dosi di droga in centro storico la nostra città non ha di certo bisogno di personaggi come questi e le istituzioni devono tenere lo stesso comportamento sia con i senzatetto che con i delinquenti”.

L’articolo Prato, marocchino insulta, minaccia e sputa contro la polizia. FdI: “Salvini lo espelliamo?” VIDEO sembra essere il primo su Blitz quotidiano.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: