Un Tour nei borghi più belli delle Giudicarie

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

San Lorenzo in Banale, insieme a Rango e Canale di Tenno è stato riconosciuto come uno dei Borghi più Belli d’Italia, ma non tutti lo sanno.

A volte scegliere un luogo da visitare dipende anche dalla curiosità di scoprire nuovi itinerari, anziché ripercorrere cammini ormai noti.

Un tour tra le sette “Ville” del Borgo di San Lorenzo in Banale è molto interessante in qualsiasi stagione: un percorso ad anello ben esposto al sole, che in circa due ore congiunge le piccole frazioni di Prato, Berghi, Pergnano, Senaso, Dolaso, Prusa e Glolo.

Durante il periodo natalizio i centri storici si riempiono di turisti in vacanza nelle località sciistiche ai piedi delle Dolomiti di Brenta o alle Terme di Comano.

Ma aggirandosi tra vicoli, antichi vòlti decorati con quadri di pittori locali, pregevoli bassorilievi in legno intarsiato che fanno bella mostra sulle facciate delle antiche dimore e piazzette, è come fare un vero e proprio viaggio indietro nel tempo, vivendo l’atmosfera contadina di una volta.

E’ consigliabile iniziare il percorso da Prato, sede del Municipio di San Lorenzo-Dorsino, qui si concentravano le più importanti attività per la comunità: il mulino, il panificio, la famiglia cooperativa, la posta e la chiesa parrocchiale.

Per questo i suoi abitanti erano chiamati “i signori di Prato”.

Tra i punti di interesse la chiesa parrocchiale dedicata al patrono del borgo e il teatro che ha sede in una chiesa sconsacrata nel 1910, restaurata per volontà degli abitanti.

Casa Osèi, antica abitazione di famiglia benestante, oggi è sede della casa del Parco “C’era una volta”, un’esposizione permanente che custodisce oggetti d’uso quotidiano della casa e del lavoro agricolo/silvo-pastorale.

Da segnalare la bella mostra “Par ieri” della Collezione Etnografica Giudicariese aperta anche in alcune domeniche di gennaio, febbraio e marzo 2019 (tel. 0465-771026).

A questo punto al visitatore non resta che seguire la segnaletica che indica facilmente l’itinerario, un alternarsi di piccole piazze, strette vie selciate , capitelli e ampie fontane.

Saliamo nel cuore della frazione di Berghi e ammiriamo le antiche dimore rurali di “Casa Martinoni” e “Casa Moscati” sapientemente restaurate, antiche fontane, storicamente diffuse per sopperire alla mancanza di acqua corrente nelle abitazioni e la chiesetta del ‘600 dedicata a Santa Apollonia.

Continuando il percorso indicato, ecco la chiesetta di Pergnano dedicata ai santi Rocco e Sebastiano, edificata dopo l’epidemia di peste nel 1578.

Al suo interno i famosi affreschi dei Baschenis di Averaria, pittori itineranti bergamaschi che tra il ‘400 e ‘500 hanno dipinto buona parte delle chiese delle Giudicarie, Rendena, Val di Non e Val di Sole. Godibili per luminosità e freschezza, propongono una pittura di facile lettura, con pochi colori ma di grande effetto cromatico.

Per facilitare la visita degli edifici dove si trovano i cicli di affreschi in queste valli, sono stati creati quattro itinerari ad hoc.

Pergnano è ricordato anche per la presenza delle “tesadre”, le tessitrici che proprio qui avevano fondato una vera e propria manifattura tessile, l’unica dell’altopiano del Banale. Lavoravano la canapa coltivata nella campagna limitrofa, realizzando su ordinazione teli, lenzuola e tovaglie.

La camminata prosegue in salita verso la frazione di Senaso, con la chiesetta di San Matteo, la Casa dei Sartorèi, testimonianza di abitazione rurale con gli originali graticci dei fienili e l’affumicatoio, è qui che resiste al tempo la tradizione dell’affumicatura artigianale della ciuìga, tipico salame con le rape, oggi presidio Slow Food.

Senaso è la porta d’accesso alla val d’Ambièz nel Parco Naturale Adamello Brenta, ma il nostro tour al bivio prosegue in direzione Dolaso con la chiesetta di Sant’Antonio Abate.

Più in basso incontriamo la frazione di Prusa, dove le forme slanciate dell’architettura giudicariese richiamano la necessità di favorire l’aerazione del fieno e l’esposizione al sole delle pannocchie di mais da polenta.

Una ristrutturazione rispettosa ha permesso la conservazione e valorizzazione di un importante patrimonio di architettura rurale, come Casa Mazoleti arricchita da un loggiato ad archi su colonne lapidee e da una meridiana perfettamente conservata.

Infine arriviamo a Glolo, ai piedi del Dòs Béo, sul quale si ergeva Castel Mani, di cui restano solo rovine, antico maniero del XII secolo distrutto durante l’invasione napoleonica.

Superato il capitello di Sant’Alessio, si trova la segnaletica per un’ulteriore escursione sul Dòs Béo, dove ammirare il panorama dell’intera vallata, oppure ritornare al punto di partenza nella piazza del paese di San Lorenzo in Banale.

Nelle vicinanze ci sono altre mete di interesse naturalistico e storico: Moline, Deggia e Nembia, che meriterebbero un capitolo a parte.

Sarà il fatto che l’altopiano del Banale gode di una posizione favorevole e assolata, sarà la giornata limpida e mite per essere gennaio, questa gita rimarrà memorabile per la bellezza e i sapori di un territorio, dove la cucina genuina è di casa, nei locali tipici e rifugi raggiungibili a pochi minuti dal paese.

Un mix di natura, storia, arte e cultura, dove l’opera dell’uomo è insita nel paesaggio.

Un paesaggio è uno stato d’animo.” (Henri Frèdèric Amiel)

Maria Cristina Betzu (m.betzu@tin.it)

L’articolo Un Tour nei borghi più belli delle Giudicarie proviene da La voce del Trentino.

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: