Modi di dire napoletani

 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

V: +1.

← Versione meno recente Versione delle 12:35, 12 gen 2019
(2 versioni intermedie di uno stesso utente non sono mostrate)
Riga 1 549: Riga 1 549:
 
:”Lasco ‘e vrachetta: “Largo”, allentato, lasco di (nella) abbottonatura dei pantaloni, di patta.”
 
:”Lasco ‘e vrachetta: “Largo”, allentato, lasco di (nella) abbottonatura dei pantaloni, di patta.”
 
::{{spiegazione|{{sic|Donnajuolo}}.<ref>La definizione è in D’Ambra, ”Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri”, p. 426.</ref>}}
 
::{{spiegazione|{{sic|Donnajuolo}}.<ref>La definizione è in D’Ambra, ”Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri”, p. 426.</ref>}}
  +
  +
*””’Lassamme fà ‘a Dio.””'<ref>Citato in ”Napoli, punto e basta?”, p. 655.</ref>
  +
:”Lasciamo fare a Dio. Affidiamoci a Lui, interamente, senza riserve.”
   
 
*”’Lella palella.”'<ref name=zart>Citato in De Ritis, ”Vocabolario napoletano lessigrafico e storico”, p. 207.</ref>
 
*”’Lella palella.”'<ref name=zart>Citato in De Ritis, ”Vocabolario napoletano lessigrafico e storico”, p. 207.</ref>
Riga 2 525: Riga 2 528:
 
:”Alla lettera: Prendere (prendersi) la [[scimmia]].”
 
:”Alla lettera: Prendere (prendersi) la [[scimmia]].”
 
::{{spiegazione|Arrabbiarsi.}}
 
::{{spiegazione|Arrabbiarsi.}}
  +
  +
*””’ […] piglià ‘e sputazze | pé muneta d’argiento.””'<ref>Citato in ”Napoli, punto e basta?”, p. 656.</ref>
  +
:”Prendere gli sputi | per moneta d’argento.”
  +
::{{spiegazione|Opporre indifferenza agli insulti, sopportare con distacco e con ciò trionfare delle avversità, nella totale accettazione della vita cosi com’è.<ref>{{cfr}} ”Napoli, punto e basta?”, p. 656.</ref>}}
   
 
*”’Piglià n’asso pe fiura.”'<ref>Citato in Volpe, ”Dizionario napolitano-italiano tascabile”, p. 248.</ref>
 
*”’Piglià n’asso pe fiura.”'<ref>Citato in Volpe, ”Dizionario napolitano-italiano tascabile”, p. 248.</ref>
Riga 3 487: Riga 3 494:
 
*”’Vévere a cate.”'<ref>Citato in Franco Taranto e Carlo Guacci, ”Vocabolario domestico italiano ad uso dei giovani”, Napoli, Stamperia Del Vaglio, 1856<sup>3</sup>, [https://books.google.it/books?id=34bG-Rr6uvYC&dq=Francesco%20TARANTO&hl=it&pg=PA191#v=onepage&q&f=false p. 191].</ref>
 
*”’Vévere a cate.”'<ref>Citato in Franco Taranto e Carlo Guacci, ”Vocabolario domestico italiano ad uso dei giovani”, Napoli, Stamperia Del Vaglio, 1856<sup>3</sup>, [https://books.google.it/books?id=34bG-Rr6uvYC&dq=Francesco%20TARANTO&hl=it&pg=PA191#v=onepage&q&f=false p. 191].</ref>
 
:”Bere a secchi. Bere senza misura, senza moderazione.”
 
:”Bere a secchi. Bere senza misura, senza moderazione.”
  +
  +
*””’Vì, quant’è bella ‘a stagione!””'<ref>Citato in ”Napoli, punto e basta?”, p. 640.</ref>
  +
:”Vedi, quanto è bella l’estate!”
  +
::{{spiegazione|Ma che magnifica, splendida ragazza! Che capolavoro di donna!}}
   
 
*”’Vino a doje recchie.”'<ref name=abbioccarsi>Citato in D’Ambra, ”Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri”, p. 397.</ref>
 
*”’Vino a doje recchie.”'<ref name=abbioccarsi>Citato in D’Ambra, ”Vocabolario napolitano-toscano domestico di arti e mestieri”, p. 397.</ref>
 

Mia Immagine

Richiedi informazioni per finanziamenti e agevolazioni

Mia Immagine

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: